fiera klimahouse

Klimahouse Bolzano: costruire bene per vivere bene

Posted by

“Costruire bene, vivere bene” è questo il claim di Klimahouse 2020, fiera sull’edilizia sostenibile e sull’efficienza energetica, in scena a Bolzano dal 22 al 25 gennaio prossimo.  Si tratta di una quattro giorni ricca di appuntamenti, accomunati dal fil rouge della centralità dell’uomo negli spazi abitativi e lavorativi.
Le nuove modalità di progettazione, di cui la fiera di fa promotrice da 15 anni, ricorrono alle migliori soluzioni architettoniche per offrire maggiore benessere psicofisico alle persone, senza tralasciare gli elementi naturali che influenzano positivamente gli stili di vita, le abitudini e i comportamenti di chi abita in un determinato spazio.
«Innovazione, ricerca e comfort da sempre hanno caratterizzato Klimahouse, ma ora contribuiscono a riportare l’individuo al centro, aiutandolo a riallacciare quel rapporto profondo con l’ambiente circostante che in questi anni la tecnologia ha rischiato di oscurare, invece che valorizzare», spiega Claudio Corrarati, vicepresidente di Fiera Bolzano.

Le nostre case si possono migliorare, progettare o riqualificare per migliorarne la qualità abitativa, aumentarne il valore immobiliare e ottenere un conseguente risparmio economico nel rispetto dell’ambiente. Comfort e salubrità di un edificio sono obiettivi che si raggiungono con una progettazione ad hoc e una corretta fase esecutiva di cantiere, a cui bisogna aggiungere l’aspetto dell’efficienza energetica. In una costruzione nuova a elevate prestazioni energetiche, gli impianti dovrebbero essere ridotti al minimo. Un edificio ben isolato necessiterà, infatti, di pochissima energia per poter essere gestito ed essere confortevole.

Psicologia dell’abitare

Sapete che una buona casa aiuta a contrastare le difficoltà quotidiane e a supportarci? Personalmente l’ho scoperto grazie a Luca Mazzucchelli, direttore della rivista Psicologia Contemporanea e autore del libro Fattore 1%, durante un suo intervento a Klimahouse camp, l’appuntamento di networking dedicato ai temi dell’ambiente, dell’efficienza energetica, della riqualificazione e della green technology.
Così come ho scoperto che gli elementi naturali in casa riducono l’affaticamento mentale e ricaricano a livello energetico: ben vengano quindi piante vere o foto e stampe di paesaggi, panoramiche, fiori e alberi.

In fiera

Klimahouse è sì un punto di riferimento per gli operatori del settore, ma anche per gli utenti finali che desiderano costruire o riqualificare la propria casa per migliorarla. Tutte tematiche che sono sempre state centrali durante la fiera e che – in questo periodo storico caratterizzato dal dibattito sul cambiamento climatico – assumono più peso.

I giovani e la Generazione Z saranno una parte fondamentale della prossima edizione di Klimahouse, in particolare potranno proporre le proprie idee sul green building attraverso “Onda Z”, un hackathon sul cambiamento climatico della durata di due giorni con il coinvolgimento di studenti e studentesse, provenienti da tutta Italia.

Ad arricchire la kermesse c’è poi il Klimahouse Congress 2020, convegno internazionale sull’edilizia sostenibile realizzato in collaborazione con l’Agenzia CasaClima: sul palco 20 speaker di fama internazionale, tra cui anche l’architetto canadese Michael Green, affronteranno temi d’attualità per il settore come costruzioni 4.0 e per il ruolo della robotica.

Infine, vi segnalo che la città di Bolzano prenderà parte alle iniziative della manifestazione sia con Klimahouse Tours, un programma di visite guidate alla scoperta dei più interessanti esempi dell’architettura sostenibile altoatesina e sia con Klimahouse x Bolzano, un percorso tra negozi, ristoranti e bar con prodotti a km0, o di filiera corta, e aderenti al proposito #noPlastic (posate, bottiglie, o sacchetti in materiale plastico) per tutto il centro cittadino.

Anna Simone

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *