bellezza sostenibile

Bellezza green: i consigli per un beauty case amico dell’ambiente e della pelle

Posted by

Cosa c’è nel vostro beauty case? Ve lo domando perché la sostenibilità ambientale è fatta di piccole azioni quotidiane, che non dovrebbero trascurare nessun aspetto. La bellezza, ad esempio, può andar a braccetto con l’ambiente, per questo motivo possono essere utili dei consigli per una beauty routine green. Abiby, talent scout di prodotti must have e delle novità nel mondo beauty, in occasione del 5 giugno,  Giornata Mondiale dell’Ambiente, indica come portare a casa prodotti cosmetici sostenibili.

Preferite bio, cruelty free e vegan

È fondamentale leggere l’etichetta e l’INCI, ossia la composizione di ogni prodotto, dove gli ingredienti sono riportati in ordine di concentrazione dal più al meno presente. In questo modo, anche grazie alla presenza di determinate certificazioni indicate con simboli e bollini, è possibile capire se il cosmetico in questione può essere definito: naturale, quando composto per lo più da sostanze di origine naturale; biologico, se composto almeno al 95% da materie prime bio; vegan friendly, senza sostanze di origine o derivazione animale oppure cruelty free, cioè senza componenti testate sugli animali.

Evitate ingredienti dannosi per la pelle e per l’ambiente

In mancanza di una regolamentazione internazionale univoca, la lettura dell’INCI è importante anche per identificare quegli ingredienti che, pur non essendo vietati per legge, sono ritenuti potenzialmente “tossici” o dannosi per la pelle o l’ambiente. Tra le componenti che andrebbero evitate, spiccano i coloranti artificiali, gli ftalati, la formaldeide, gli oli minerali, i siliconi, i parabeni e le microplastiche (come Polyethylene, Nylon o Polypropylene) presenti soprattutto nei prodotti cosmetici da risciacquo come shampoo, balsamo o scrub.

Utilizzate strumenti e accessori green

Per una beauty routine sostenibile è meglio preferire oggetti e accessori riutilizzabili, eliminando quelli usa e getta, ed evitare quelli realizzati con materiali di origine animale. Via libera, quindi, ai dischetti struccanti lavabili, in alternativa a quelli in cotone o da usare al posto delle salviette, e ai pennelli con setole sintetiche, ugualmente morbidi e sostenibili.

Preferite prodotti con un packaging ecosostenibile

La plastica è spesso usata per realizzare le confezioni dei prodotti beauty, ma è anche uno dei più grandi nemici dell’ambiente. Fortunatamente non mancano le alternative: dalle confezioni più facili da smistare e riciclare fino ai packaging realizzati con materiali compostabili come le bioplastiche, derivate da sostanze organiche. Non solo, per ridurre al minimo lo scarto esistono anche prodotti solidi in sostituzione a quelli liquidi; è il caso degli shampoo, dove un panetto equivale a tre bottiglie di prodotto, garantendo un risparmio in termini ambientali ed economici. Quando tutto questo non è possibile, infine, si può sempre dare nuova vita agli oggetti: i barattoli delle creme, per esempio, sono perfetti per le piante o come porta pennelli.

“Green tips” da seguire

Una volta scelti i nostri alleati per la beauty routine, non resta che utilizzarli facendo attenzione agli sprechi, dal limitare l’uso dell’acqua, fino all’utilizzo completo dei prodotti, evitando residui all’interno delle confezioni. Un’altra buona pratica è di fare attenzione alla scadenza, spesso segnalata con il PAO (Period after opening), ossia la durata in mesi dopo l’apertura, e cercare di utilizzarli entro i tempi. In questo caso aiuta segnare con una penna o un pennarello la data del primo utilizzo, ma in caso di dubbi si possono sempre controllare la consistenza, il colore e l’odore del prodotto.

Anna Simone

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *