Salame di cioccolato per riciclare i biscotti

Posted by

Avete dei biscotti secchi e degli amaretti che stanno per scadere, oppure avete aperto varie confezioni e ora vi ritrovate con dei biscotti piuttosto mollicci da consumare? Potreste riciclare il tutto preparando un salamino di cioccolato.
E’ semplice da fare e lo affermo io che non posso considerarmi una star in cucina! Gli unici momenti di vera gloria gastronomica risalgono agli anni vissuti all’estero, lì ero considerata una cuoca eccellente: ah bei tempi…

sALAMINO DI CIOCCOLATA

Tornando all’interessante salame di cioccolato, esistono varie ricette… personalmente ne seguo una che richiede questi ingredienti:

– 500 gr di biscotti secchi (tipo Oro Saiwa) da riciclare
– 100 grammi di amaretti
– 100 grammi di burro
– 150 grammi di zucchero
– una bustina di zucchero a velo
– 150 grammi di cacao amaro
– mezzo bicchiere di Rum
– mezzo bicchiere di latte fresco intero

Quando avete gli ingredienti sul tavolo della cucina, passate alla preparazione. Il primo step è macinare i biscotti (con le mani oppure potete metterli su un canovaccio pulito e frantumarli con la base di un bicchiere… tra l’altro la frantumazione funge da ottimo anti-stress). In un secondo contenitore sbattete i tuorli delle uova insieme al burro (fatto sciogliere a bagnomaria), allo zucchero tradizionale, al cacao, al latte e al liquore, a cui aggiungerete gli albumi montati a neve. Dovreste avere un mix tipo questo della foto.

preparazione salame di cioccolata

Amalgamate il tutto con santa pazienza (all’inizio con un cucchiaio di legno, poi con le mani), infine, modellate a forma di salame. Mettete il salame di cioccolato in frigo per varie ore, solo al momento di servirlo cospargetelo di zucchero a velo e mangiate in compagnia 🙂

P.S. Se in fase di preparazione l’impasto vi sembra troppo consistente, aggiungete pure un po’ di latte e un po’ di cacao.

Anna Simone

Forse potrebbe interessarti:

Cucinare cibi nel sacchetto di plastica che allegria

La pignata per cucinare sostenibile

Posate, non fidiamoci a occhi chiusi di quelle made in China

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *